"Non perdersi nulla del meglio di sé!" è il titolo dei due o tre giorni che le classi terze, quarte e quinte hanno vissuto ad inizio o fine anno scolastico presso l'Oasi di Maen a Valtournenche.

  "In quale luogo o contesto sarebbe bello far una nuova amicizia, esser conosciuti da una persona? Dove meglio posso condividere le mie migliori qualità? A casa, su una pista da sci, o con i nostri migliori amici oppure con i propri familiari". Per ciascuno la risposta è diversa, ma tutti vorremmo poter esprimere il meglio di noi, magari senza dover fare ricorso a maschere o a stereotipi per esser accolti ed accettati. E allora siamo andati alla ricerca del bello, buono e del vero che abita i nostri desideri più profondi e che talvolta si rivela come nostalgia di una serenità non disponibile tutti i giorni. Un paio di giornate, immersi nella natura, con i compagni di classe e qualche prof. disposto a stare con i ragazzi fuori aula. La condivisione di qualche ora di lavoro pratico, in clima collaborazione per una casa che ci accoglie ed accoglie ragazzi, bambini ed adulti per propiziare un'esperienza di solidarietà ed attenzione a chi ha ricevuto di meno. Una passeggiata in montagna, magari nel "casot" di uno di noi, per cucinarci qualche costina alla losa e una tradizionale polenta e fontina. Ma anche per condividere la fatica della salita, l'incontro - scontro con i propri limiti e quelli dei compagni con cui si è abituati a trascorrere molte ore in classe e in laboratorio. Un tempo più disteso, per stare insieme, conoscersi da un altro punto di vista e riconoscersi da prospettive diverse. Un'occasione di confronto, scambio di vedute, di sogni, paure e slanci di futuro. L'incontro con una famiglia allargata, quella che ci ospita e ci accudisce, e che ci provoca anche a sperimentare l'essenzialità che ci fa andare al cuore della nostra vita. Infine la rilettura di quel vissuto, occasione per imparare di nuovo a dire grazie e a chiedere scusa, a scoprire ancora che con uno sguardo di benevolenza e perdono si ricostruiscono ogni giorno le amicizie migliori.

Lo stupore più grande? ll fatto che tutto questo è bello, rasserena e che il Buon Dio ne è lo sponsor più grande!

Alla prossima avventura! (D2M)